Lex specialis e contratti collettivi: l’applicazione di un determinato contratto collettivo può essere imposta dalla lex specialis alle imprese concorrenti quale requisito di partecipazione?

Ottobre 23, 2020 Ornella Cutajar 0 Comments

Lex specialis e contratti collettivi: l’applicazione di un determinato contratto collettivo può essere imposta dalla lex specialis alle imprese concorrenti quale requisito di partecipazione?

← Materie

Tar Puglia-Bari, Sez. II, 17 ottobre 2020, n. 1288: Per un consolidato orientamento giurisprudenziale, “l’applicazione di un determinato contratto collettivo non può essere imposta dalla lex specialis alle imprese concorrenti quale requisito di partecipazione, né la mancata applicazione di questo può essere a priori sanzionata dalla stazione appaltante con l’esclusione, sicché deve negarsi in radice che l’applicazione di un determinato contratto collettivo anziché di un altro possa determinare, in sé, l’inammissibilità dell’offerta” (Cons. Stato, V, 28 maggio 2019 n. 3487; id., III, 2 marzo 2017, n. 975; id., 9 dicembre 2015, n. 5597). Tale assunto vale anche in relazione alla valutazione di anomalia dell’offerta (in termini Cons. Stato, V, 1 marzo 2017, n. 932; id., 12 maggio 2016, n. 1901; id., III, 10 febbraio 2016, n. 589)” (Consiglio di Stato, sezione quinta, 13 luglio, n. 4515).

In sintesi, “la scelta del contratto collettivo da applicare rientra nelle prerogative organizzative dell’imprenditore con il solo limite della coerenza con l’oggetto dell’appalto, per cui la stazione appaltante non può imporre l’applicazione di un CCNL e la scelta fatta da un concorrente di applicare un CCNL che consenta un forte abbattimento dei costi, e presentare, in questo modo, un’offerta più competitiva, rileva solo in sede di valutazione di congruità dell’offerta, ma non costituisce causa di non ammissibilità della stessa” (Consiglio di Stato, sezione quinta, 12 settembre 2019, n. 6148, p. 2).