Una sentenza ha una motivazione apparente in quali casi?

Febbraio 25, 2020 Ornella Cutajar 0 Comments

← Materie

Corte Suprema di Cassazione, Sez. I, 22 novembre 2019, n. 4716: “Secondo la consolidata giurisprudenza di questa Corte, si è in presenza di una “motivazione apparente” allorché la motivazione, pur essendo graficamente (e, quindi, materialmente) esistente, come parte del documento in cui consiste il provvedimento giudiziale, non rende tuttavia percepibile le ragioni della decisione, perché consiste in argomentazioni obiettivamente inidonee a far conoscere l’iter logico seguito per la formazione del convincimento, di talché essa non consente alcun effettivo controllo sull’esattezza e sulla logicità del ragionamento del giudice”.