In cosa si distingue l’atto confermativo dall’atto meramente confermativo?

Febbraio 21, 2020 Ornella Cutajar 0 Comments

In cosa si distingue l’atto confermativo dall’atto meramente confermativo?

← Materie

Tar Campania-Napoli, Sez. I, 19 febbraio 2020, n.805: La giurisprudenza costante afferma che “allo scopo di stabilire se un atto amministrativo sia meramente confermativo (e perciò non impugnabile) o di conferma in senso proprio (e, quindi, autonomamente lesivo e da impugnarsi nei termini), occorre verificare se l’atto successivo sia stato adottato o meno senza una nuova istruttoria e una nuova ponderazione degli interessi. In particolare, non può considerarsi meramente confermativo rispetto ad un atto precedente l’atto la cui adozione sia stata preceduta da un riesame della situazione che aveva condotto al precedente provvedimento, giacché l’esperimento di un ulteriore adempimento istruttorio, sia pure mediante la rivalutazione degli interessi in gioco e un nuovo esame degli elementi di fatto e di diritto che caratterizzano la fattispecie considerata, può condurre a un atto propriamente confermativo in grado, come tale, di dare vita ad un provvedimento diverso dal precedente e quindi suscettibile di autonoma impugnazione” (Cons. Stato, IV, 30 dicembre 2019, n. 8909 che richiama id, 12 ottobre 2016, n. 4214; id., 29 febbraio 2016, n. 812; id., 12 febbraio 2015, n.758; id. 14 aprile 2014, n. 1805).